Bologna “Non ho fatto nulla di cui dovermi vergognare qui oggi a Bologna mi sento una deportata in questa città, io non ho mai perduto l’umanità anche quando ho fatto cose malvagie”. Decisa e spavalda nonostante i nove ergastoli, Francesca Mambro ha fatto il suo ingresso nel processo a carico del vecchio sodale Gilberto Cavallini. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Diritti tv: Serie A senza soldi. Lite continua su MediaPro

prev
Articolo Successivo

Russia e Ucraina. Al conflitto reale si aggiunge anche quello mediatico

next