Brand Israel, che brutto compleanno festeggiare i primi settant’anni. E pensare che si era fatto di tutto per rinfrescarle il make-up. Per cambiare l’immagine. Uno sforzo a tutto campo, su fronti inediti, con impegni inusuali. Una campagna globale, capillare, accattivante. Negli slogan. Negli eventi. Prima il Big Start del Giro d’Italia a Gerusalemme, costato l’ira […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

A Gerusalemme la festa. A Gaza la “Catastrofe”

prev
Articolo Successivo

“I terroristi sono loro, eppure per la propaganda la colpa è di Hamas”

next