Fervono febbrili le selezioni per il premier e i ministri del governo neutrale, detto anche – parlando con pardon – gabinetto di servizio. I provini si svolgono in un salone del Quirinale, a caccia di figure il più possibile neutre, come richiesto espressamente dal Presidente. Ricerca complicata dalla massiccia e molesta presenza d’imbucati. “Buongiorno, signori […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La vignetta di Mannelli

prev
Articolo Successivo

La testatina 0905

next