Immaginate la scena: un distinto signore coi capelli bianchi con in mano 7.500 euro in contanti per pagare 150 tessere a 50 euro l’una. Che viene in mente? La scalata di un capobastone a un partito, tante volte raccontata dai giornalisti? No. La scena è avvenuta il 27 aprile nella sede del Sindacato Unitario dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Diritti televisivi, dalla Lega di A quasi ultimatum agli spagnoli

prev
Articolo Successivo

“Accusai i colleghi per Cucchi. Ora ho paura di parlare in aula”

next