La guerra in Siria è anche guerra d’informazione, e forse più di altre per via della carenza sul terreno di giornalisti e osservatori neutrali in grado di verificare le notizie diffuse dalle parti in conflitto o a esso riconducibili. Notizie spesso fabbricate o falsificate che si rilevano tali solo quando ormai hanno prodotto l’effetto politico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Israele e lo spettro dell’Iran: missili oltre la linea rossa

prev
Articolo Successivo

Nel tribunale dei big tech è “tutti contro Zuckerberg”

next