A guardarle da lontano sembrano città di ferro. Un po’ futuriste, gigantesche, a volte inquietanti. Sono le quasi 100 piattaforme petrolifere che circondano le coste italiane, all’interno delle 12 miglia nautiche, limite delle acque territoriali. Succhiano petrolio e gas, pagando – pochino – lo Stato in cambio delle concessioni. Ma occupano suolo pubblico, producono rifiuti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Delrio, il renziano a metà che potrebbe tentare il colpaccio

prev
Articolo Successivo

Il favore dell’ultimo minuto per le assicurazioni Rc auto

next