Liquidazione, licenziamenti collettivi e rischio di vendita a spezzatino per i villaggi. La stagione estiva dei circa 1.200 lavoratori della Valtur è sempre più a rischio. Le prenotazioni per le prossime vacanze sono bloccate e ai clienti che le hanno già fatte non vengono fornite risposte. La situazione del marchio turistico italiano, emersa durante il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)