Nella capitale

A Roma sfilano in 30 mila. Renzi si risparmia i fischi

Al corteo dell’Anpi il leader Pd compare all’ultimo nel retropalco, dopo Gentiloni

Di Andrea Managò e Wanda Marra
25 Febbraio 2018

“Mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente?” Matteo Renzi, in piena sindrome Ecce Bombo, si materializza alla manifestazione antifascista e antirazzista promossa dall’Anpi, ma organizzata dalla Cgil, direttamente a piazza del Popolo, nel retropalco, intorno alle 15 e 30. Baci e abbracci e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.