Quella che si prepara ad accogliere la manifestazione antifascista è una città sospesa fra sgomento e paura. Una città scombussolata, addolorata dalla violenza contro una povera ragazza e contro esseri umani colpevoli solo del colore della pelle. Una città, ancora, che non si rivede nei tanti messaggi di solidarietà all’autore della tentata strage fascista che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Soldi, controlli e tradimenti. M5S ha paura di nuovi casi

prev
Articolo Successivo

Macerata, il sindaco Carancini: “Sarò alla manifestazione col cuore, ma non siamo pronti”

next