Cara Lucarelli mi piace la sua ironia e quindi cerco di emularla e le racconto la mia travagliata vicenda sentimentale anche perché mi è rimasta un’unica cosa da fare dopo l’epilogo: ridere di me. Cominciamo dall’inizio. Sono arrivato a 50 anni come tanti cinquantenni bellocci e facoltosi, con l’allergia alle relazioni sentimentali e agli champagne […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“È difficile essere donna sul set, i ruoli interessanti sono pochi”

prev
Articolo Successivo

Tutto il calcio domanda per domanda, il quiz che nasce dai sogni

next