Sul caso Avastin-Lucentis sarebbe un peccato mortale abbassare la guardia. Martedì scorso la Corte di giustizia europea, rispondendo alle domande poste dal Consiglio di Stato, ha dichiarato che costituisce una restrizione della concorrenza l’intesa tra Roche e Novartis – che commercializzano due medicinali per la maculopatia perfettamente sostituibili (e quindi concorrenti) –, volta a screditare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Glifosato nella pasta, adesso si combatterà con l’etichetta

prev
Articolo Successivo

La debolezza del dollaro rimane una garanzia di emicrania per la Bce

next