Rodrigo Duterte, presidente delle Filippine, ha vinto facilmente la partita sulla legge marziale. Il parlamento lo ha seguito docilmente e nell’isola di Mindanao, sud del paese, varrà fino a tutto il 2018 e ogni garanzia giuridica sarà sospesa in nome della lotta al terrorismo. Ma quello che Duterte sogna, e ha minacciato in modo aperto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’amante-pornostar: “Il mio Donald Trump era un pantofolaro”

prev
Articolo Successivo

Troppe critiche sul web

next