Non si può ancora definire la rivolta dei suk perché quello di Teheran, il più grande e importante, non è stato finora coinvolto. Ma le autorità iraniane, specialmente il presidente Hassan Rouhani, per la prima volta dal 2009 non stanno dormendo sonni tranquilli da almeno tre notti a questa parte. Ovvero da quando migliaia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Altro che ospedali: agli esami clinici ci pensa Mr. Virgin

prev
Articolo Successivo

Autostrade, Delrio ci spieghi i rincari più assurdi di sempre

next