Ieri, come ogni fine anno, si è consumato a Mosca il rito dell’apoteosi putiniana: la fluviale conferenza stampa (3 ore e 49 minuti) della narrazione cremliniana su come sono andate le cose del mondo e quelle della patria. Il succo? Tutto è andato per il meglio, ha detto Putin, un trionfo nelle relazioni internazionali e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Non ho mai violentato” e il deputato si spara

prev
Articolo Successivo

Mohammad e la rivoluzione copernicana dell’Islam saudita

next