Invece di assumere un atteggiamento più prudente e meno avventurista, Donald Trump procede con l’andatura di un bulldozer nel fragilissimo ed esplosivo scenario medio orientale: “È tempo di riconoscere ufficialmente Gerusalemme come la capitale d’Israele”. Non lo sfiora che tale mossa possa aumentare l’instabilità di una regione, compattando per esempio i fronti – oggi divisi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La Capitale della discordia e il salto nel vuoto di Trump

prev
Articolo Successivo

Maduro annega e chiede aiuto a “Petro”

next