Il Politeama è un gigantesco vasa vasa. Bacia bacia, in lingua sicula. Cuffaro e il cuffarismo passano, forse, ma i baci restano. È un accostare continuo di guance. Tutti baciano tutti. Il potere si riconosce così. Il più fecondo di smack, da vicino o da lontano, lanciandoli con le mani, è Gianfranco Micciché. Il ritrovato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I voti disgiunti e migranti da Micari a Musumeci

prev
Articolo Successivo

Il candidato dem ha un problema serio: adesso vogliono sfiduciarlo da rettore

next