È probabile che da oggi il presidente della Regione autonoma del Kurdistan iracheno, sotto il fuoco dal 16 ottobre dei soldati dell’esercito federale iracheno e delle milizie sciite sponsorizzate dal vicino Iran, non sarà più Masoud Barzani. Fondatore del partito democratico del Kurdistan, Pdk, e alleato di Washington fino al 24 settembre , vigilia del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Marilyn, Castro e il 2° uomo. Solo nuovi misteri su JFK

prev
Articolo Successivo

“L’amore se non è consumismo può ancora salvarci”

next