Il quadro è questo: bene che vada la neonata Commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche avrà tempo fino al 15 marzo prossimo, quando terminerà la legislatura. Escludendo pause natalizie, impegni su altri voti fondamentali e quant’altro, restano tre mesi. Troppo poco per ottenere qualsiasi risultato, ma abbastanza forse per regolare qualche conto tra i partiti. Un’arma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Roberto Saviano: “La fiducia sul Rosatellum-bis è un agguato alla democrazia”

prev
Articolo Successivo

Orfeo nicchia sul ritorno in video di Gabanelli

next