l volto rassicurante di Mutti Merkel campeggia in un gigantesco cartellone elettorale, lungo uno dei vialoni che portano al Salone dell’Auto di Francoforte sul Meno, evento che ha luogo ogni due anni dal 1951 e che non è più soltanto il festival della potenza (in Hp) e della velocità perché è diventato col passare degli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

In tribunale la “Dinasty” degli psichiatri

prev
Articolo Successivo

La teutonica anti-euro e anti-migranti e il lavoro in nero alla profuga siriana

next