Nel 2016 il Pd ha cercato di disfarsi della seconda parte della Costituzione. Sconfitto il 4 dicembre, ci riprova ora con la prima parte, schierando le sue menti migliori in una raffinata manovra a tenaglia. L’attacco è stato sferrato sull’ala destra da Angelo Panebianco. Con la sistematicità dello studioso, il politologo ha aggredito l’articolo 1 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Mail box

prev
Articolo Successivo

Omicidio Manca, servono giudici più coraggiosi

next