I terroristi ragazzini di Barcellona progettavano una serie di clamorosi attentati, uno dopo l’altro, senza un attimo di tregua: volevano compiere la strage regina, trasformare il loro sogno jihadista nell’incubo più funesto della storia recente europea. Facendo saltare i luoghi simbolo della città, quelli più visitati, utilizzando i due furgoni Fiat Talento come arieti, carichi di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Panchine, fioriere e catene contro i furgoni

prev
Articolo Successivo

Liberi di non guardare il male, ma è solo nascondersi nella nostra realtà (virtuale)

next