La strategia del ministro dell’Interno Marco Minniti sulla Libia si regge su questa analisi: “I trafficanti di esseri umani hanno bisogno di territorio non governato, perché soltanto in uno Stato fallito le carovane di migranti possono percorrere chilometri di deserto senza interferenze”. Minniti evoca un “doppio movimento”. Primo movimento: mettere in condizione il governo riconosciuto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Minniti: “Ong, chi non firma presto verrà fermato. Noi a Tripoli in aiuto”

prev
Articolo Successivo

Le quattro navi testimoni di Iuventa

next