Doveva essere il giorno dell’addio, e addio è stato. Ma modalità e polemiche sono da romanzo pirandelliano. Perché ieri l’Atac, la municipalizzata romana dei trasporti, ha tolto le deleghe al suo direttore generale Bruno Rota: che però si era già dimesso il 21 luglio scorso. Un paradosso che, in una giornata di accuse incrociate ed […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Libia: chi è il generale Khalifa Haftar, il cane da guardia dell’Egitto

prev
Articolo Successivo

Atac Roma, un secolo di debiti, indagini e autobus che ritardano

next