A pochi giorni dalla scandenza dei termini per la presentazione delle domande, fissata al 31 luglio, la seconda versione della voluntary disclosure, la definizione agevolata delle pendenze con il fisco per chi ha nascosto capitali consistenti all’estero e perfino sotto le piastrelle del salotto, continua a essere un flop. All’appello del ministero dell’Economia mancano ancora […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

I francesi ci comprano e ci prendono a sberle

prev
Articolo Successivo

Cittadinanza a Di Matteo, opposizioni assenti e c’è chi si giustifica: “Avvisati troppo tardi”

next