Venerdì il gauchiste Jean-Luc Mélenchon detto Méluche ha superato, sia pure di un’incollatura, François Fillon nei sondaggi: 19,5 contro 19 per cento delle intenzioni di voto. Ormai Marine Le Pen è a portata di mano, a meno di quattro lunghezze, preceduta di mezzo punto da Emmanuel Macron. Ma l’andatura di Méluche è incalzante, inarrestabile. Ogni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Del Grande è ancora nelle mani della polizia

prev
Articolo Successivo

Ricerca, la mangiatoia del Cnr: incarichi sospetti per 3 milioni

next