Un’espulsione, anche se tecnicamente è una “cancellazione dall’anagrafe degli iscritti al Partito democratico”. È il provvedimento, forse il primo del genere, preso nei giorni scorsi a Torino verso venti iscritti che hanno partecipato all’assemblea del Movimento democratici progressisti a Settimo Torinese. La commissione di Garanzia ha preso questa decisione il 3 aprile, proprio il giorno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Anche le tv locali sono un affare dei tosco-renziani

prev
Articolo Successivo

Ora il Comitato per il No raccoglie le firme: “No a premio di maggioranza e nominati”

next