Lo status del termine “plagio”, nella morale e nella lingua italiana, è ambiguo assai. Esisteva un reato con quel nome – puniva la sottommissione psicologica di una persona da parte di un’altra – e venne abolito, nel 1981, per incostituzionalità. A giudicare dai molti e impuniti episodi di plagio di cui sono stato testimone sin […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Eduà, stai ccà!” Noi due al teatro Orfeo

prev
Articolo Successivo

Date alla Lazio quello che è suo

next