Nei campi di periferia si coalizzano i risentimenti dell’opinione pubblica. Se gli animi si scaldano la risposta è sempre la stessa: sporco negro, vattene. Questo sostrato culturale oggi è evidente in tutta la dorsale italiana”. L’analisi è di Carlo Balestri, dirigente della Uisp e ideatore dei Mondiali antirazzisti. A venti anni di distanza il festival […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La furia vegana di una mamma pronta a tutto per la pubblicità

prev
Articolo Successivo

“Orlandi, tutta la verità nel patto con i giudici violato dal Vaticano”

next