La metodologia usata dal Fatto per analizzare la tesi del ministro Madìa si basa, in prima battuta, su due software “anti plagio”, tecnologie in uso nelle università europee e americane dal 2006. Utilizzano algoritmi per creare una impronta digitale di ogni porzione del testo in esame e poi la comparano con le impronte dei passaggi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Madia, dottorato con 4 mila parole copiate nella tesi

prev
Articolo Successivo

Esperimento con dati oscuri e modello statistico già usato

next