Matteo Renzi dovrebbe ringraziare il colpo di teatro che l’inchiesta Consip ha prodotto nella sua sceneggiatura infiacchita, con tutti quei personaggi alla Amici miei che ogni giorno sortiscono dai brogliacci (i babbi, i sindaci della Valdarno, i carabinieri con la braciola tra i denti, i traffichini di provincia, il parroco che avvisa i giornalisti che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Mail Box

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Franzaroli

next