Radja che tira a cento all’ora, Radja che segna, Radja che fa sognare. Radja che è moderno, Radja che copre e offende, Radja che non si lamenta se le prende e te ne dà comunque sempre una in più. Radja che parla sui social e non ha paura di dire una cazzata perché non sbaglia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Tiranna e bisbetica: il doppio volto della Juve

prev
Articolo Successivo

Bacca il pioniere: come inventare un rigore e vederselo convalidato

next