Carlo Russo è la sfinge di questa inchiesta. L’imprenditore di 33 anni (che nelle foto appare capellone e grassottello e che invece nel frattempo è dimagrito e si è tagliato i capelli) e il rebus con il quale si devono confrontare i pm. Il procuratore aggiunto di Roma Paolo Ielo e il sostituto Mario Palazzi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Lotti raccomandò a Emiliano l’amico di babbo Renzi

prev
Articolo Successivo

“Carboni riciclava” col sodale di papà Boschi

next