È dal suo letto di ospedale che Théo ha raccontato le percosse e le sevizie subìte quando, giovedì scorso, quattro poliziotti lo hanno fermato per un semplice controllo di identità finito a sangue. Ed è sempre dall’ospedale che ieri si è rivolto ai giovani che da tre notti accendono di rabbia e tensioni il sobborgo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Usa, il gendarme riluttante: Donald cede alla tentazione

prev
Articolo Successivo

Fillon-Sarkozy, una destra a pezzi

next