Come prevedibile, il nuovo Codice etico del Movimento Cinque Stelle messo ieri ai voti su beppegrillo.it è stato approvato con il parere favorevole del 91 per cento degli iscritti al blog. Passano quindi i sei punti che, in estrema sintesi, prevedono l’obbligo di dimissioni solo dopo la condanna in primo grado, tutelano gli eletti che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

E ora gli amici indiani di Ladylike Moretti sono accusati di “riduzione in schiavitù”

prev
Articolo Successivo

No di Raggi alle Olimpiadi, niente soldi per il Palasport

next