Un siriano, evaso dal carcere jihadista di Deir Ezzor, ha raccontato al magazine Daily Beast: “Nel servizio di sicurezza dell’Isis, i peggiori sono i tunisini; hanno una condotta immorale, sono corrotti e violenti, fanno del male al prossimo in modo gratuito”. Ons Ben Abdelkarim, una donna che lavora ad al Bawsala, una organizzazione non governativa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il “killer del Tir” ricercato fu arrestato in Italia

prev
Articolo Successivo

I tedeschi ora si chiedono “Perché?” come gli ebrei durante il nazismo

next