Giusto 25 anni fa, in un cottage di caccia riservato alla nomenklatura del Pcus, nel cuore della foresta di Belovezhskaya al confine tra Bielorussia e Polonia, nella notte tra il 7 e l’8 dicembre 1991, i presidenti di tre delle quattro Repubbliche che nel 1922 avevano formato l’Unione Sovietica stabilirono la dissoluzione definitiva dell’Urss. L’accordo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Narcos e favelas, vedi Rio e poi muori

prev
Articolo Successivo

“Bimbi immigrati, ricreazione finita”

next