Sono le 5 di una domenica pomeriggio dai colori splendidi e dall’aria fredda, appena sopra lo zero. All’Hofburg, la sede imperiale che oggi ospita la presidenza austriaca, i due candidati hanno già chiara la situazione. I dati sono inequivocabili: una sentenza. In ampio vantaggio c’è il professore ecologista Alexander Van der Bellen, che veleggia sopra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Banche, lavoro, crescita: il duro ritorno alla realtà

prev
Articolo Successivo

Brexit, atto secondo: la Corte suprema decide se serve il voto del Parlamento

next