Visto che tra gli effetti collaterali dei recenti terremoti c’è un livello di rissosità sui social network che sta toccando punte di 9.8 di magnitudo, mi accingo a compilare la lista definitiva delle cose da non scrivere se non volete essere travolti da una tale tempesta di insulti che da quel momento avrete paura pure […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Norcia, vince l’emergenza fai da te

prev
Articolo Successivo

L’uomo che ascolta l’orto

next