Il turbocapitalismo non ha bisogno di un motore. Basta una bicicletta, a patto che sia tu a mettercela. Il turbocapitalismo ha i suoi codici e in questi, quasi sempre, non sono comprese le regole. Quelle del codice della strada, per esempio. Un lussuoso orpello per chi ha tempo da perdere. O i sensi di marcia, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Milano scippa a Roma l’ultima tappa del Giro

prev
Articolo Successivo

Raggi e il caso dei frigoriferi in strada

next