Monsef è un mujaheddin, combattente del jihad. Oggi ha 21 anni, ma quando è partito per la Siria era appena diventato maggiorenne. La sua è una storia unica e racconta, in presa diretta, come Monsef El Mkhayar, nato in Marocco nel gennaio del 1995, sia diventato un combattente per Daesh durante la sua permanenza nella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Raqqa val bene un tradimento. Curdi di nuovo soli

prev
Articolo Successivo

Spagna senza governo da 8 mesi? Nessun problema: l’economia cresce. Esperti e intellettuali: “Non può durare”

next