Qualcosa potrebbe cambiare nella gestione dei beni confiscati alle mafie ma difficilmente riutilizzabili perché inseriti in contesti territoriali controllati dai clan. È il caso di una villa dei Casamonica in via Roccabernarda alla Romanina, periferia Sud di Roma, ma succede anche a Locri, a Casal di Principe e a Formia. È stato il prefetto Umberto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Il balzo indietro da Altiero Spinelli a Matteo Renzi

prev
Articolo Successivo

Banche, Padoan non ha fretta di rendere esecutiva la direttiva Ue sull’onorabilità. E restano gli impresentabili

next