Siamo convinti, anzi certi che al Quirinale non è rimasto inascoltato l’appello del primo agosto di Gustavo Zagrebelsky e Alessandro Pace contro la vergognosa discriminazione del No da parte del servizio pubblico radiotelevisivo. Ne siamo convinti per l’autorevolezza dei firmatari: il presidente emerito della Consulta e un altro grande costituzionalista. Per l’ampia rappresentatività dei 400 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Natangelo

prev
Articolo Successivo

La cattiveria 1708

next