“Voglio andare a passeggio in Italia”. È una della frasi tradotte con una app che ha confermato agli operatori di un centro di accoglienza per richiedenti asilo, che Junliang L., 31 anni, cinese, non era né un profugo né un rifugiato. L’odissea tedesca del turista che ricorda la trama surreale del film di Steven Spielberg […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Erdogan nelle braccia dello Zar, Assad ringrazia

prev
Articolo Successivo

Impeachment, il senato dice sì. Dilma appesa all’ultimo voto

next