L’aspetto più stimolante della normalizzazione di Radio Rai sotto la direzione artistica di Carlo Conti è che Carlo Conti sia il direttore artistico di Radio Rai. L’abbinamento di “Carlo Conti” e di “direttore artistico” fa lo stesso effetto di altri ossimori fortunatamente immaginari, quali “Rocco Siffredi direttore spirituale”, “Giuliano Ferrara personal trainer”, “Claudio Cerasa direttore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Mannelli

prev
Articolo Successivo

La cattiveria 1008

next