Acinque mesi da quello all’ospedale del distretto di Idlib gestito da Medici senza Frontiere, continuano gli attacchi alle strutture sanitarie. In quell’occasione l’Ong aveva denunciato questi raid come strategici, finalizzati a indebolire i soccorsi e le cure mediche anche di chi combatte sul territorio. Ieri è toccato a un ospedale pediatrico vicino a Idlib, nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

cattiveria 3007

prev
Articolo Successivo

Isis, la guerra segreta dell’Italia: forze speciali in Libia e Iraq. Ma il Parlamento è all’oscuro di tutto

next