Caro Furio Colombo,non sono torinese ma sono quasi vent’anni che vado a Torino per il Salone del Libro e mi è sempre sembrato un evento bene organizzato, ben riuscito e con una folla grandissima, soprattutto tanti giovani. Trovo l’iniziativa milanese difficile da spiegare in un mondo di imprenditori e di intellettuali, che invece agiscono da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

85 mila “guardiani”

prev
Articolo Successivo

Mail box

next