Nessun movente politico o religioso. Nessun precedente penale. Solo frustrazione e disagio psichico. Questi gli ingredienti del cocktail letale che ha innescato la follia omicida del diciottenne Ali Sonboly. L’autore del massacro al centro commerciale di Moosach, nella periferia di Monaco di Baviera. Il suo nome tradisce un’origine mediorientale che probabilmente ha tratto in inganno gli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Le riforme di Re Giorgio e il germe dell’autoritarismo

prev
Articolo Successivo

Armela e gli altri, bersagli perché giovani e sorridenti

next