Comizi e iniziative nelle località di villeggiatura, per spiegare i mali della riforma renzianissima. Con Alessandro Di Battista pronto a fare il volto, l’uomo in prima fila, con un tour in solitaria. Nel M5s, tra giunte da far partire e territori da (ri)organizzare, si comincia a lavorare sul serio alla campagna per il No nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Niente firme, il No perde soldi e rischia il bavaglio

prev
Articolo Successivo

Incubo “Renxit”, il tour a Bruxelles della Boschi per promettere stabilità

next