Massimo D’Alema alla guerra d’autunno. Come promotore di comitati per il No, di centrosinistra, in tutta Italia. Per fermare “una riforma che è un pasticcio, dove non si capisce nulla”. E rilanciare con una contro-riforma, in tre punti. Un testo “semplice, lineare e scritto in italiano”, come scandisce con dalemiano sarcasmo. In un albergo di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Renzi si arrende: “Non apro più bocca sul mio futuro”

prev
Articolo Successivo

Villa Pamphilj, la strana passione di Matteo per la sede nel parco

next