Cuore, acciaio e porte in faccia: “Chi non mi riceveva, chi mi guardava con sufficienza, chi mi liquidava con ‘ci sembra una stronzata’, chi diceva: ‘Il cinema di genere è morto’ e chi giurava che a riproporlo si perdessero soltanto soldi. Visto che nessun produttore voleva sostenere il film ho cercato di farlo io mettendoci […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La legge è inapplicabile

prev
Articolo Successivo

Il romanzo è troppo lungo? In prima stesura era il doppio

next